Cannabis e depressione, nuovo studio: i miglioramenti IMMEDIATI sono evidenti

ansia, canapa, canapa industriale, cannabis, cannabis terapeutica, cbd, depressione, fiori di canapa, infiorescenze, marijuana, salute, stati uniti, thc -

Cannabis e depressione, nuovo studio: i miglioramenti IMMEDIATI sono evidenti

Un altro studio si aggiunge alla lista ormai lunga di quelli a sostegno della tesi secondo cui la cannabis – in questo caso il consumo di infiorescenze - possa alleviare immediatamente i sintomi della depressione e sia un valido supporto alle terapie per curare cancro, ansia, schizofrenia, demenza, diabete, disturbi cardiovascolari e dolore cronico. Lo studio in questione è stato pubblicato dall’Università del Messico e Releaf App sullo Yale Journal of Biology and Medicine.

Il risultato è chiarissimo: almeno nel breve periodo, la larghissima maggioranza dei pazienti che utilizzano cannabis avverte effetti antidepressivi, sebbene questi effetti siano variabili a seconda della varietà di pianta impiegata.
Lo studio è stato condotto negli Stati Uniti chiedendo a 1.819 individui di fornire risposte anonime. Ne sono state raccolte un totale di 5.876. I soggetti selezionati seguivano una terapia contro la depressione che prevedeva l’utilizzo di cannabis e un tracciamento tramite la Releaf App, che consente di seguire i pazienti e di analizzare il grado e il tipo di sollievo derivante dall’assunzione di cannabis nell’ambito di una terapia medica. In media i pazienti hanno segnalato un miglioramento dei sintomi di circa 4 punti su una scala da 0 a 10 nei momenti immediatamente successivi al consumo di infiorescenze.

Potrebbe sembrare un risultato alquanto deludente, ma va paragonato agli effetti dei farmaci convenzionali utilizzati per combattere gli stessi sintomi… che di solito impiegano settimane o persino mesi per dare un sollievo significativo.
Inoltre questi stessi farmaci hanno effetti collaterali quali agitazione, ansia, tendenze suicide, anorgasmia.

Un altro aspetto interessante messo in luce dallo studio è che le infiorescenze con livelli alti di THC hanno apportato ai pazienti un’immediata riduzione di sensazioni negative: si è ridotta l’intensità della depressione.
Tuttavia, è emerso che la portata degli effetti positivi dipende dalle proprietà delle singole varietà della pianta di cannabis. Alcuni individui (1 su 5) che consumava nella propria terapia infiorescenze con alti livelli di THC riscontrava alcuni effetti negativi come la mancanza di motivazione, ma il dato cruciale è che tutti i soggetti che hanno partecipato allo studio hanno dichiarato di aver avuto sensazioni positive come felicità, ottimismo, serenità e rilassamento.

 

 

Fonte: Forbes, Yale Journal of Biology and Medicine


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

Articoli correlati